Link alle vecchie pagine del KKE

I siti web internazionali dell KKE passano gradualmente a nuovo formato pagina. Le versioni precedenti delle pagine aggiornate e i loro contenuti si trovano ai link seguenti:

MANIFESTAZIONI DI MASSA DEL KKE IN TUTTO IL PAESE

Il progetto di legge antioperaio deve essere abrogato

Non diventeremo schiavi del 21° secolo! Lo sfruttamento non può essere "disciplinato", deve essere abolito! Questo è stato il messaggio di lotta implacabile inviato dalla manifestazione di massa del KKE ad Atene contro il progetto di legge antioperaio che il governo di ND si appresta a portare in Parlamento. Il Segretario generale del Comitato Centrale del partito, Dimitris Koutsoumbas, ha tenuto un discorso alla manifestazione in piazza Syntagma. Proteste analoghe del KKE si sono tenute a Salonicco e in altre città della Grecia.

 

 

Dimitris Koutsoumbas ha parlato in dettaglio del progetto di legge antioperaio, sottolineando che "prosegue e approfondisce l'attacco lanciato dalle leggi degli ultimi 10 anni contro le conquiste dei lavoratori" e ha aggiunto che "i comunisti, i membri della KNE e tutte le persone che stanno al nostro fianco lavorano giorno e notte per informare i lavoratori e denunciare le menzogne dei governi. Siamo in prima linea in tutti i luoghi di lavoro, nei sindacati e nelle organizzazioni di massa del movimento operaio-popolare per organizzare la lotta e preparare l'imminente sciopero che sarà una risposta militante al mostruoso disegno di legge antioperaio".

"ND è nella condizione di poter introdurre questo orrendo progetto di legge proprio perché le leggi di PASOK e di SYRIZA hanno preparato il terreno: tutte, passo dopo passo, hanno attuato le rivendicazioni del capitale. Tutte hanno armato i grandi datori di lavoro e gli squali della finanza con nuove armi. Tutte hanno a loro volta introdotto misure allineate con la strategia dell'UE e le cosiddette "migliori pratiche europee", che in realtà significano condizioni di lavoro sempre peggiori. Tutti i partiti sono responsabili dell'intensificazione dello sfruttamento, continuando l'uno il lavoro legislativo dell'altro".

Facendo una rassegna storica delle lotte per la giornata lavorativa di 8 ore, il SG del CC del KKE ha osservato: "La giornata lavorativa di 8 ore e l'orario di lavoro stabile sono sempre stati motivo di scontro tra lavoratori e gruppi imprenditoriali, perché sono al centro dei diritti della classe operaia".

 

KKE Protest Athens [28 May 2021]

Così, oggi, il governo della ND cerca di intervenire sull'orario di lavoro. La sua regolamentazione, soprattutto in termini di contrattazione individuale, è profondamente reazionaria e porta all'intensificazione dello sfruttamento (...) Oggi, nell'era della quarta rivoluzione industriale, l'orario di lavoro viene aumentato invece di essere ridotto. Si cerca di chiamare questo progresso. Questo è un progresso per il sistema di sfruttamento.

Tuttavia, ciò che è considerato progressivo per il capitalismo, è una battuta d'arresto per la classe operaia e il popolo (...) Immaginate l'aumento della produttività del lavoro e il relativo plusvalore dovuto all'introduzione di nuove tecnologie nella produzione. Immaginate quanto è salita alle stelle l'intensificazione dello sfruttamento; quanto aumenta lo sfruttamento assoluto, cioè il lavoro non retribuito con l'aumento dell'orario di lavoro giornaliero oltre le 8 ore!

Il SG del CC del KKE ha anche dichiarato: "Modernizzazione non significa l'adeguamento dei rapporti di lavoro alle sempre mutevoli esigenze dell'insaziabile capitale, come il governo sta cercando di presentare. Modernizzazione significa riduzione generale dell'orario di lavoro, lavoro stabile per tutti, abolizione di ogni forma di flessibilità, salari e diritti basati sui bisogni contemporanei.

Modernizzazione non significa contratti individuali, cioè la negoziazione individuale tra imprese e lavoratori". Ha anche fatto riferimento alle disposizioni del progetto di legge che "fanno un ulteriore passo avanti nell'attacco all'azione sindacale e al diritto di sciopero (...), non potendo nascondere l'odio dei padroni e dei governi contro la rivendicazione organizzata-collettiva delle richieste. Stanno colpendo apertamente il diritto costituzionale di sciopero.

Noi rispondiamo: Questo non è il Giappone, dove i lavoratori in sciopero continuano a lavorare, indossando una fascia bianca al braccio. Questa è la Grecia. Abbiamo una lunga storia di lotte operaie, un movimento operaio di classe, il PAME, il Partito Comunista di Grecia!

Riferendosi al 21° Congresso del Partito, i cui preparativi sono in corso, ha dichiarato che:"Siamo ottimisti sul fatto che possiamo farcela, che possiamo rafforzare il nostro Partito; perché un KKE forte può veramente diventare la mente, il cuore e l'organizzatore della lotta dei lavoratori e delle persone per il socialismo". Ha anche invitato il popolo "a unire militantemente le forze con il KKE, nelle lotte quotidiane, nel movimento operaio-popolare, in tutte le battaglie politiche".

Koutsoumbas ha concluso che "Non diventeremo schiavi del 21° secolo! Il mostruoso progetto di legge contro i lavoratori deve essere ritirato. I suoi promotori, insieme ai governi che ci hanno portato a questo punto, devono essere politicamente sanzionati! Tutte le leggi PASOK-SYRIZA-ND contro il lavoro devono essere abolite! Tutti devono unirsi alla lotta per il successo dello sciopero generale nazionale!"

 

 

Traduzione da Resistenze.org

28.05.2021